Sedie di rappresentanza: Quale poltrona acquistare se sei il manager o CEO di un’azienda

Con lo studio, la passione e l’impegno, hai ottenuto una gratificante promozione all’interno dell’azienda nella quale lavori. I tuoi enormi sacrifici sono stati ricompensati dalla nomina di manager di un determinato ramo aziendale. Continuando a dare il meglio ogni giorno, è lecito sognare una futura carica da CEO, l’equivalente americano dell’amministratore delegato.

Per raggiungere gli obiettivi prefissati nel breve e nel lungo periodo, avrai sicuramente bisogno di un ambiente operativo confortevole, pratico e che risulti compatibile con le enormi responsabilità aziendali.

Per alleviare lo stress mentale e la fatica degli alti ranghi, ti servirà innanzitutto una poltrona di rappresentanza che sia ergonomica, funzionale ma, al contempo, raffinata ed elegante.

Detto ciò, per capire meglio che cosa sia una poltrona di rappresentanza, è opportuno dare un’occhiata alle proposte sul mercato nazionale.

Le migliori poltrone da ufficio per rappresentanza

Come sopra accennato, la nomina di manager porta con sé un poderoso aumento di responsabilità che vanno dall’andamento del settore assegnato al rispetto della politica aziendale da parte di tutti i collaboratori, dalla programmazione delle attività economiche al rafforzare i rapporti con i fornitori. Essere il sostituto dell’imprenditore non è mai stata una cosa semplice.

Per reggere così tanta pressione, il manager, all’interno del proprio ufficio, andrebbe dotato di una poltrona di rappresentanza in vera pelle dallo schienale ampio e dalla seduta morbida. Questi dettagli ne faranno aumentare la produttività, il livello di concentrazione e la voglia di trascorrere del tempo in ufficio.

È bene che la poltrona di rappresentanza sia munita di braccioli per lasciar riposare, di tanto in tanto, gli arti superiori. Gli elementi fin qui descritti sono tutti presenti nelle poltrone presidenziali. Le poltrone presidenziali sono disponibili sul mercato sia in vera pelle che con un rivestimento in ecopelle.

La differenza tra una sedia direzionale e una sedia operativa

Di anno in anno, il mercato delle sedie di rappresentanza si arricchisce di nuovi modelli che sintetizzano le recenti innovazioni tecnologiche. Scrutando le opinioni online su vari blog, un interrogativo sorge spontaneo: le sedie operative possono fungere da sedie di rappresentanza?

La risposta corretta è un secco no. In primis, le sedie operative hanno un numero ristretto di funzionalità e non dispongono di quella libertà di movimento necessaria per un dirigente. Dal punto di vista ergonomico, le sedie operative sono progettate per tutt’altre mansioni come l’operaio o l’impiegato.

Infine, le sedie operative non possono vantare quel tocco di eleganza, necessario quando si intrattengono quotidianamente delle relazioni formali con altre aziende e con i collaboratori esterni. Il grosso rischio è di mettere in cattiva luce l’intera azienda.

I prezzi per le poltrone da ufficio per direttori e manager

Descritte le caratteristiche delle poltrone di rappresentanza, all’interno di una guida completa, non può mancare un breve accenno al prezzo. Il range di prezzo prevede una soglia iniziale di 300 euro fino ad un massimo di 1000 euro per i modelli exclusive, con poggiapiedi in pelle ed intagli lungo lo schienale.

Vuoi comprare una poltrona ufficio di alta qualità?

La conferma di quanto accennato sul prezzo delle poltrone, si trova consultando Bevilacqua Ufficio, shop online che offre un ampio ventaglio di soluzioni per tutte le aziende.

In conclusione, il prezzo finale di una poltrona di qualità dipenderà dallo stile che si preferisce, dalla combinazione di colori e dalle funzionalità reputate necessarie.

Lascia un commento