Come rivestire una sedia

Come rivestire una sedia che si è rovinata o che semplicemente non vi piace più?
Se volete cimentarvi in questa pratica, questa è la guida giusta per voi!

Togliere la seduta

Innanzitutto la seduta va tolta completamente: se è bloccata per mezzo di incastro è molto semplice, altrimenti va smontata in ogni sua parte togliendo viti e chiodi con gli attrezzi adatti.

In commercio esistono svitabulloni molto efficaci che vi faranno risparmiare tempo e fatica. Una volta effettuata questa operazione, prendetevi cura delle parti in legno della sedia, scartavetrando e applicando un prodotto atitarme da lasciar agire per qualche ora.
Una volta asciugato quest’ultimo, potrete anche riverniciare le parti rovinate, se lo ritenete necessario. Ora che l’intelaiatura è pronta ad accogliere la nuova seduta, possiamo procedere con il rivestimento vero e proprio.

La stoffa

La stoffa che sceglierete per rivestire la sedia potrà essere identica alla precedente, oppure no: tutto dipende dai vostri gusti personali. Se amate i contrasti, potreste addirittura azzardare una colorazione completamente diversa per dare un tocco di originalità all’ambiente. L’importante è che la stoffa che utilizzerete per rivestire la vostra sedia sia di ottima qualità e resistente nel tempo, o dovrete ripetere questa operazione più volte nel corso degli anni.

Il rivestimento

Come rivestire le sedieSe anche la base della sedia è rovinata, dovrete procedere a una vera e propria operazione di restauro, ritagliando (o facendovi ritagliare da un falegname) un pezzo di compensato per sostituire la seduta. Le misure dovranno essere prese con cura, perché si incastri alla perfezione.

A questo punto, se volete che la vostra sedia sia morbida, aggiungete paglia e gommapiuma prima di rivestirla: eventuali cuscini possono essere una soluzione, ma coprirebbero la stoffa che tanto faticosamente avete scelto! Ora tendete bene la stoffa per ricoprire la superficie della seduta e lasciate che ne avanzi ai lati; vi sarà utile per fermarla con una macchina sparapunti (o anche colla a caldo).

La stoffa in eccesso potete ritagliarla con cura o persino lasciarla penzolare per dare un effetto elegante. Se la seduta consta, invece, di un blocco ancora integro che potete smontare, procedete in questa maniera: stendete il pezzo di stoffa (sempre più abbondante del necessario) su un tavolo e ponete il sedile al centro.
Ora ripiegate bene i lembi, prima più se stessi per creare uno spessore che non li faccia sfilacciare, e poi sotto alla seduta: bloccatela con una graffettatrice in più punti, in modo che aderisca in maniera omogenea.
Ora rimontate il sedile incastrandolo nella sedia e il gioco è fatto!

Lascia un commento