Sedie Shabby Chic

Lo stile shabby chic ha un sapore retrò e predilige i tenui colori pastello. Si tratta di uno stile che può essere minimale o esprimersi con abbondanza di merletti e decorazioni, ovviamente secondo i gusti personali: come in tutte le cose il consiglio è di non esagerare perché risulti un modo piacevole ed elegante di arredare. Anche per quel che riguarda le sedie.

In casa

Le sedie shabby chic possono trovarsi in qualsiasi ambiente e daranno un tocco di stile inconfondibile alle vostre stanze. In cucina, ad esempio, potete scegliere di utilizzare una sedia dal gusto provenzale, in legno chiaro: esistono modelli con seduta imbottita rifinita da decorazioni più o meno elaborate, ma se così non fosse potrete ovviare con dei comodi cuscini per sedie shabby chic. In quest’ultimo caso, decidete se mantenervi sul sobrio o se divertirvi ad abbinare cuscini ricchi di volant, fiocchi e decorazioni (rigorosamente sfoderabili e lavabili!). Alcune sedie possono presentare colorazioni e disegni particolari dipinti sul legno stesso, quindi il consiglio è di lasciarle scoperte, pur sacrificando la morbidezza della seduta.

Per la sala da pranzo o il salotto, le sedie shabby chic sono quasi sempre imbottite, invece, e mantengono invariata la struttura portante in legno: a tinta unita o con decorazioni floreali rifinite in ogni dettaglio, sedie di questo tipo potrebbero quasi sfiorare il barocco. Dovrete perciò prestare attenzione ad abbinarle a un tavolo dai colori neutri. In ambienti quali lo studio o la camera da letto sarà più difficile trovare una sedia shabby chic, ma potreste averne una a dondolo accanto al letto, magari appartenuta a un parente caro: in tal caso, l’effetto retrò è assicurato e non avrete bisogno di interventi particolari di restauro, a meno che non sia particolarmente rovinata e vogliate darle nuova vita.

In giardino


Se lo stile shabby è la vostra passione, potreste desiderare di riportarlo anche in giardino o in balcone. Per prima cosa valutate gli spazi: un balcone di pochi metri quadrati potrà essere estremamente grazioso con un tavolino e un paio di sedie shabby chic pieghevoli.

Basterà qualche fiore sul davanzale e al centro del tavolo per completare l’opera. Se invece avete la fortuna di disporre di uno spazio esterno maggiore, orientatevi su sedie di ferro o rattan. Le prime avranno bisogno quasi sicuramente di cuscini se volete ammorbidire la seduta, ma badate di non coprirle troppo per non nascondere le rifiniture con cui spesso sono decorate: schienali dalle forme geometriche intrecciate o arrotondate a creare un cuore, daranno un tocco di stile ed eleganza.

Nonostante il rattan sia più moderno del vimini, troverete sedie dal sapore shabby costruite anche con questo materiale sintetico, opportunamente “rovinato” per conferire un aspetto retrò senza rischiare di cadere nell’etnico. A tal proposito dovrete prestare attenzione al modello che sceglierete, perché sarà più facile confondere gli stili e creare mix che non necessariamente si accordano l’uno con l’altro. Quale che sia la sedia shabby che sceglierete per il giardino, ricordate di preservarla dalle intemperie ritirandola al coperto quando non viene utilizzata.

Lascia un commento